Pedofilia, sacro e profano

Come il pastore ha bisogno del bastone per proteggere il suo gregge, anche la Chiesa deve usare il bastone per proteggere la fede contro i falsificatori. E’ la metafora usata oggi dal Papa per mettere sotto accusa i molti episodi di pedofilia commessi da religiosi.

Non discuto: va bene la fede, la confessione, la cenere sul capo e il pentimento. Laicamente però, al sacro bastone, preferisco processi, magari profani, ma non metaforici.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Pedofilia, sacro e profano

  1. Fulvio Sguerso ha detto:

    Due di bastoni o due di cuori? E il bastone non è anche un simbolo fallico? La sessualità repressa, nella Chiesa come altrove, non smette per questo di lavorare “sottotraccia” e, nella fattispecie, sotto la tonaca. Ma c’è la preghiera e la grazia che ci salvano! A quanto pare, in alcuni casi, non c’è preghiera né grazia che tenga. Di chi la colpa? Dell’uomo? Della donna? Del diavolo? E chi ha creato così l’uomo, la donna e il diavolo? O forse che il diavolo si è crato da sé? E se non si è creato da sé, da chi è stato creato? Non crederete ancora a questo mito medievale! Allora a chi dobbiamo credere, se non crediamo più al catechismo? Eh, dobbiamo credere nell’uomo. E non anche nella donna? Crederemmo volentieri in loro se non si sbagliassero mai. Dunque dobbiomo credere in qualcuno che non si sbaglia mai. E chi è costui? In terra, secondo la Chiesa cattolica, è il Pontefice (quando parla come Pontefice e non come uomo). Ma il Pontefice non è anche un uomo con tutti gli attributi? E come facciamo a distinguere il Pontefice dai suoi attributi? Auffa! Quando parla ex cathedra parla da Pontefice, quando parla con la Perpetua e con i suoi camerieri parla da uomo. Dunque è una persona divisa in due? No, sono due persone in una. E il bastone? Quello è metaforico e tutto d’un pezzo.
    Duro o molle? Dipende da chi lo usa. E la penitenza? Quella non finisce mai. Per chi? Per chi si prende le bastonate metaforiche e reali (o papali). Dove? Auffa! Dove si prendono le bastonate, ben date, ben date, ben date………

  2. Gioia ha detto:

    io preferirei che, PRIMA ancora dei giusti processi, a questo signore che oggi guida la chiesa venisse in mente di cospargersi un po’ il capo di cenere, senza se e senza ma – anziché giocherellare con le metafore.. beh, bah. Boh.

    http://ilpartitodellamore.blogspot.com/2010/04/combattere-i-vertici-bigotti-e-retrivi.html#comments

  3. ormaistanco35 ha detto:

    Ma perchè certa gente può mentire impunemente e
    prendere per il c**o tanta brava gente ? L’inferno per loro dovrebbe fare i doppi turni!

  4. massimo delù ha detto:

    Ha una faccia da maniaco Maledetto ics ii

  5. gigi ha detto:

    anche perchè, metaforicamente parlando, la Chiesa coi ragazzini il 2bastone” l’ha usato.

  6. Giusto, usiamo la Fiamma, no quella dell’inferno, quella dei Carabinieri.
    Oggi il Santo Padre ha detto “Mo’ basta eh”, bene, bravo, bravissimo, un bel passo avanti (magari un po’ spinto, ma apprezziamo lo stesso).
    Adesso però quelli che hanno peccato, ci dice chi sono e dove abitano o dobbiamo andare a stanarli in tuuutte le missioni per bambini africani dove li hanno trasferiti?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...