THE MAZE RUNNER

The_Maze_Runner_poster

In questo torrido pomeriggio di fine agosto scopro con svogliata curiosità  la serie che sta infiammando gli interessi degli adolescenti: MAZE RUNNER. Immagino sia un evento comune in molte famiglie con figli di 14-20 anni. La serie è fin banale per la ripetitività ossessiva di ingredienti comuni nel genere: gruppo di amici adolescenti, in cui si erge  un capo per carisma e intelligenza, ma dove gli altri trovano tutti i loro spazi per affermare le proprie personalità, una o due “fighe” del gruppo, di solito dal carattere deciso, il dibattersi in un moderno mondo preistorico costituito dalle rovine  di una passata civiltà al culmine della grandezza tecnologica. Un percorso di fuga videogioco, l’organizzazione sociale “dei grandi” costituita in forma di “feudo” , organizzata militarmente e soffocata da regole arbitrarie, proiettata unicamente a soddisfare le mire dell’immancabile despota che la dirige con scienza esatta persuasa allo sterminio, e deciso ad inquadrare quel pericoloso gruppetto di anarchici ribelli che non sottostanno alle regole. Non potevano mancare orde di zombies che si incontrano via facendo, umani infettati dalla terribile epidemia che ha cancellato la civiltà; che si aggirano inconsapevoli a cercare di mordere-infettare il gruppetto interrompendo la corsa per sempre, costringendoli a una vita non vita. Non per cattiveria ma perché non sanno fare altro. In tutto questo traspaiono fin troppo evidenti  le pulsioni oniriche di una generazione. L’aspirazione a un mondo selvaggio nel quale ricominciare se stessi e il proprio futuro, la moderna società in cui si è costretti a vivere da cui si vorrebbe fuggire, per le sue regole egoiste e le sue convenzioni. Nei volti putribondi degli zombies si assimilano le protervie parentali e improvvide figure genitoriali che li vorrebbero mettere in riga fermando quella fuga ipotetica: giacca e cravatta, taglio di capelli, fidanzata regolare, laurea e lavoro in banca …o giù di lì.

Tutti elementi che tradiscono  il desiderio di prolungare il proprio viaggio nell’adolescenza per l’eternità.  Rimane un ultimo aspetto: la distruzione del mondo. Se da una parte il viaggio dell’adolescenza, o di qualunque uomo dai tempi di Omero,  nasce con la distruzione del mondo dei padri, necessario per edificare il proprio, questo sfacelo materiale ed estremo nasconde il desiderio profondo di ricominciare con regole nuove e diverse e la percezione che il mondo nel quale si è vissuti stia per concludersi. Ai primi del ‘900 i Fratelli Lumiere, proiettando la corsa di una locomotiva sullo schermo di uno dei primi cinema suscitarono la fuga terrorizzata dei presenti. Quelle menti ancora vergini non riuscivano a distinguere la differenza fra realtà e finzione. La consuetudine a mostrare scenari di distruzione del mondo in cui viviamo che sia funzionale per abituarli al futuro ?

Pubblicato in Rassegna Stanca | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Fart

election day

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

politica americana oh yes…

Prossimamente negli USA ci saranno le elezioni per eleggere il nuovo presidente USA. Da più parti si avverte un gran timore nel caso vincesse le elezioni il miliardario americano Donald Trump. Guerrafondaio, nazista, edificatore di muri contro i latinos, internatore in lager di musulmani…sono solo alcune delle accuse (o dei meriti per chi lo sostiene) che si sentono sul suo conto.

Ecco io credo che la politica americana possa essere spiegata paragagonandola alla fisiologia umana per quel che riguarda le attività intestinali !! Più precisamente le flatulenze (leggasi scorregge).

Come ben sappiamo esistono due tipi di scorregge: quelle che fanno molto rumore ma sono quasi inodori

donald

poi ci sono quelle silenziose, ma dagli effetti venefici. Quelle che se mollate in  in un luogo chiuso  vengono considerate armi di distruzione di massa.

hillary

Quelle che le puoi sganciare tanto nessuno se ne accorge e potrà mai accusarti ! tutt’al più sarai sospettato fortemente.

jihadisti

Ecco questa è la ragione del contendere… secondo me…

Pubblicato in Rassegna Stanca | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Berlinguer

berlinguer

Quando sento dire che Berlinguer era una persona perbene, che condusse una battaglia personale contro la corruzione e il malcostume in politica, penso che è davvero un po’ poco. Per un comunista essere perbene non significa nulla. Un comunista per davvero non vuole moralizzare il sistema borghese, lo vuole abbattere. Quindi l’operazione di perbenismo, che fu cavallo di battaglia del PCI berlingueriano, andò a sostituire il fine di un partito comunista: abbattere il sistema borghese, per creare uno stato comunista, dove le regole sociali sarebbero state riscritte a favore dei più deboli. La battaglia per il buoncostume in politica andò a riempire un vuoto, dal momento in cui il PCI decise per la rinuncia al suo ruolo esistenziale. Aver sostituito la rivoluzione con una battaglia contro i farabutti, che si arricchivano per tramite del sistema di potere sulla schiena di tutti noi, non è stato comunque un grande affare. Se da una parte ha distolto l’attenzione della fetta più arrabbiata e determinata sull’obiettivo d’origine, dall’altra non fu neppure una battaglia vincente. Un comunista non deve moralizzare uno stato borghese, un comunista lo deve abbattere. L’equivoco sta tutto qui.

Pubblicato in Rassegna Stanca | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Terrorismo cristiano nel mondo

In questa pagina sono elencati, senza pretesa di completezza, i crimini perpetrati dal Terrorismo Cristiano secondo la definizione di Wikipedia: Christian terrorism comprises terrorist acts by groups or individuals who cite motivations or goals that they interpret to be Christian, or within a more basic context of sectarian violence and/or prejudices such as religious intolerance. As with other forms of religious terrorism, they have cited interpretations of the tenets of faith – in this case interpretations of the Old Testament, as their inspiration to justify violence and killing.(qui)
Per com odità di consultazione sono suddivisi in due macroclassificazioni:
Eccidi, stragi e genocidi di matrice cristiana; Atti di terrorismo di matrice cristiana; Altri fatti e documentazione.
Altra importante constatazione da fare, prima di proseguire, è la seguente:
– Secondo l’ultimo (ed unico di questo tipo) studi dell’FBI del 2005 sulla incidenza delle religioni negli atti terroristici, il 94% del terrorismo negli Stati Uniti NO N è di matrice Islam ica, anche se assommano “grazie” all’11/09 alla massima parte dei morti qui; Da un altro studio condotto dal 1980 al
2005 pare che la percentuale degli attentati islam ici sia sotto al 7% qui; Per ogni descrizione di evento si è tentato, per quanto possibile, di fornire la m aggiore quantità di link e fonti esterne e di materiale docum entale su cui basare eventuali ricerche aggiuntive da parte degli interessati. Per ogni correzione, rettifica o integrazione non esitate a lasciare un commento o a contattarmi!
800.000 morti a mano cristiana: ilGenocidio del Rwanda
Il più grande m assacro etnico della storia contemporanea è stato commesso durante i genocidi di m assa della guerra in
Ruanda, che ha portato a circa 800.000 m orti in una guerra che è stata definita dalle nazioni unite un genocidio.
Pochi sanno, però, che il genocidio è stato portato a term ine dai Hutu, prevalentemente di fede cattolica e da sempre molto vicini alla Chiesa Secolare, che sterminarono l’etnia Tutsi. Il genocidio  “m assacrò più uom ini [all’interno delle chiese cattoliche che in ogni altro luogo] (1)“ non solam ente con la conoscenza della Chiesa Cattolica, m a con la cooperazione diretta dei vescovi e preti locali com e padre Wenceslas Munyeshyaka, ritratto più volte brandendo
una pistola e colluso con le milizie Hutu.
Condannato in Rwanda “in absentia” per genocidio e stupro e con una sentenza a vita, il Tribunale Internazionale Criminale del Rwuanda ha provato ed estradarlo più volte, ma la chiesa cattolica francese si è sempre rifiutata negando l’estradizione. E non è un caso isolato: dopo i m assacri la Chiesa Cattolica trasferì i sacerdoti criminali di guerra in Europa, proteggendoli. Tra questi padre Athanase Seromba che ordinò personalm ente la demolizione tramite bulldozer della sua chiesa in cui aveva appena chiuso, sprangando le porte 2.000 raccolti per “proteggerli”. I monaci cattolici lo aiutarono a fuggire e, cambiato nome, servì per lungo tempo in Toscana come sacerdote di una comunità. Dopo che il suo coinvolgimento fu svelato, Il Magistrato incaricato per le indagini dal Tribunale Internazionale, Carla Del Ponte, accusò ripetutamente il Vaticano di fare ostruzionism o sulla sua estradizione per essere giudicato: la risposta del Vaticano fu che il prete “stava facendo un ottimo lavoro” in Italia.

I massacri Ugandesi dei Cristiani dell’Esercito di Resistenza del Signore

L’Esercito di Resistenza del Signore, un esercito di guerriglieri legati ultracattolici impegnati nella ribellione armata algoverno del 2005 si è resa responsabile direttamente di un numero imprecisato di omicidi (tra i 5.000 e i 20.000) e dell’esodo in fuga di oltre 300.000 persone. Accusati di crimini contro l’umanità, compresi massacri, rapimenti, mutilazioni, torture, stupri, messa in schiavitù a fini sessuali
(2). Il movimento religioso guidato da Joseph Kony si autodichiara fondamentalista cristiano, contro all’Islam e a favore della creazione di una teocrazia basata sui Dieci Comandamenti.

I massacri dei Cristiani antiBalaka in centro Africa Nel Febbraio 2014 Amnesty International ha denunciato con forza i massacri della forza composta da cristiani ed animisti antiBalaka che in Africa centrale sta massacrando la minoranza musulmana dello Stato di Centr’Africa. Nel solo mese di gennaio le vittime stimate sono oltre 1.000, ma alla fine dei conteggi del conflitto che dura orm ai da anni le vittime saranno presumibilmentedecine di migliaia.
Ii massacri cristianidi Karantina, Tal el Zaatar, Sabra e Shatila
La storia dei massacri da parte dei Cristiani Maroniti perpetrati ai danni dei m usulmani palestinesi e libanesi a Karantina (1.500 vittime civili) e Tel alZaatar (3.000 vittim e civili) sono storia legata alla guerra civile che afflisse il Libano tra il 1975 ed il 1990.
Nel 1982 il massacro di Sabra e Shatila fu perpetrato dalla milizia Cristiana che m assacrò e stuprò 3.500 civili rifugiati inermi palestinesi. L’episodio, classificato dalla Assemblea delle Nazioni unite come Genocidio fu documentata da fotografi inglesi che descrissero la folla armata come cristiani, che si autodefinivano tali e brandivano crocifissi durante il m assacro.

Atti di terrorismo di matrice cristiana Anders Behring
Breivik ed il Massacro di Utøya                                                  Nel Luglio 2011 Anders Behring Breivik è stato arrestato ed incrim inato per terrorism o a seguito di un attentato con autobomba a Oslo e della strage a mano armata nell’isola di Utøya, in cui uccise 77 persone. Spontaneamente autodichiarato come Cristiano Protestante, antimulticul-turalista, antimarxista, antiislamista è autore del memoriale “2083 – Una dichiarazione Europea d’indipendenza”(3), un corposo libello di 1518 pagine in cui Breivik si autodefinisce “salvatore del Cristianesim o” e “il più grande difensore della cultura conservatrice in Europa dal 1950″(3).

Eric Robert  Rudolph, l’Attentato alla Olimpiadi di Atlanta e altri attentati
Classificato come terrorista dall’FBI, Eric Robert Rudolph membro del m ovimento ultracattolico Christian Identity (che ritiene i cattolici ariani la Razza Eletta dal Signore) è autore di una serie di attacchi terroristici tra cui:
l’attentato alle Olim piadi di Atlanta presso il Centennial Olympic Park nel 1996 con 111 feriti ed un morto; la bomba ad una clinica peraborti ad Atlanta del 16 Gennaio 1997; la
bomba all’Otherside Lounge, un bar per clientela
lesbica, del 21 Febbraio 1997; la bomba alla clinica per aborti di Birmingham , Alabama del 29 Gennaio 1998; l’uccisione di Robert Sanderson, poliziotto di Birmingham e guardia parttime di una clinica abortistica. Eric Robert Rudolph ha negato le tesi dell’odio razziale degli attentati, motivandoli invece con la volontà di preservare la fede Cristiana contro coloro che ne violano i precetti, contro l’aborto e contro la “agenda omosessuale” mondiale. Le sue motivazioni e la sua ideologia sono a disposizone nel libro da lui pubblicato “Between the Lines of Drif: The Mem oirs of a Militant”<(4) pubblicato dal movimento terroristico cristiano “Army of God”.
L’assassinio del medico abortista George Tiller
Il 31 Maggio 2009 George Tiller, medico di Wichita in Kansas e persona di spicco a livello nazionale per l’esecuzione di aborti fu assassinato da Scott Roeder durante la funzione religiosa della domenica alla Reform ation Lutheran Church.
Scott Roeder, cristiano convinto ed antiabortista, confesso alla stampa l’omicidio dalla cella di detenzione, motivandolo come atto dovuto e contestando che l’uccisione di un medico abortista, responsabile per lui di decine se non centinaia di “omicidi”, non rappresentava un reato ma un atto dovuto di ogni buon cristiano, secondo le teorie di David Leach.
David Leach, editore di “Prayer & Action News”, una rivista che incita all’uccisione dei medici che effettuano l’aborto, ha confermato numerosi incontro con Roeder e la sua participazione alla rivista. Leach è anche l’editore dell’”Army of God manual” che incita l’uccisione dei medici abortisti e contiene precise indicazioni per la creazione di ordigni esplosivi, uno dei testi base del movimento terroristico cristiano “Army of God”.
L’assassinio del medico abortista John Bayard Britton Il 29 Luglio 1994 Bayard Britton, medico abortista, viene ucciso a Pensacola, Florida, dall’estremista cristiano antiabortista il Reverendo Paul Jennings Hill, legato al movimento terroristico cristiano “Army of God”. Jennings dirà che uccidere gli abortisti è un atto di fede dovuto per ogni cristiano e che attende la sua “ricompensa nell’alto dei cieli”.
Il terrorista cattolico James Charles Kopp Definito dall’FBI “Terrorista Cattolico”, James Charles Kopp è un cittadino americano pregiudicato colpevole dell’assassinio di Barnett Slepian, un noto medico abortista di New York. Catturato dopo una lunga fuga e dopo essere stato inserito della lista de 10 Top Fuggitivi dell’FBI, James Charles Kopp è un attivista del gruppo Cattolico antiabortista conosciuto con il nome di “Lambs of Christ”.
E’ attualmente indagato, come serial killer, per l’omicidio di Rochester e tra altre città canadesi durante l’autunno del 1197, tutte esecuzioni da lunga distanza di medici abortisti nelle loro case. Inoltre è indagato per l’uccisione nel 1995 di Hugh Short, un medico abortista dell’Ontario.

Lo sventato attentato dei Concerned Christians alla
moschea di AlAqsa
Nell’Ottobre 1998 viene segnalata alla polizia del Colorado la improvvisa sparizione di 6080 membri del gruppo ultracristiano dei Concerned Cristians. Il 3 Gennaio 1999 sono stati arrestati e deportati da Israele durante l’operazione di intelligence “Operation Walk on Water” volta alla protezione della moschea di AlAqsa. Secondo la polizia israeliana, i membri del gruppo dei Concerned Christians stavano pianificando un attentato alla moschea, convinti che fosse un atto necessario per la “ritorno di Gesù Cristo”.

Altri episodi e altra documentazione
Per mancanza di tempo mancano a questa guida una serie di altri episodi ed articoli da integrare o di interesse documentale che verranno a mano a mano resi parte di questa pagina. Ecco, per ora, in ordine sparso le informazioni agguntive:
Le violenze cristiane antihindu in India qui Alcune fonti di approfondimento prima della lista:
Il 94% del terrorismo NON è Islamico [qui] I 10 attacchi terroristici più famosi di ultracattolici qui (1). Timothy Longman, Vassar College, al “Conference on Genocide, Religion, and Modernity”, United States Holocaust Memorial
Museum, Maggio 1113, 1997 (2). Human Rights Watch/Africa, “The scars of death: children abducted by the Lord’s Resistance Army in Uganda”, 1997, pagina 72
(3). L’intero libello “2083 – A European Declaration of Independence” è disponibile in versionecompleta in lingua inglese a questo indirizzo (4). “Between the Lines of Drif: The Memoirs of a Militant” nella seconda edizione, è disponibie
liberamente presso il sito internet del movimento
Army Of God in versione PDF.

tratto da La Voce anno XVII n°6 febbraio 2015 – pp. 3-4

 

Pubblicato in Rassegna Stanca | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento