L’alzabandiera di Gasparri

(13 gennaio 2009) Sul Palazzo romano della Corte di Cassazione sventola un rs4tricolore privo della fascia rossa e il Tempo, che si è accorto della mutilazione, ha dedicato ieri foto e ampio spazio alla bandiera monca. Oggi torna sull’argomento rilanciando l’invettiva del presidente dei senatori Pdl, Maurizio Gasparri: “Quel bicolore è una vergogna nazionale. Avete fatto benissimo a denunciare un tale scempio. Vedere sventolare un tricolore lacero, addirittura solo bianco e verde, è una vergogna nazionale. È un fatto simbolico, che vale più di mille discorsi e che ci fa capire la crisi di certe istituzioni. Se pensiamo poi che solamente mercoledì scorso era il giorno della festa del Tricolore mi viene ancora più tristezza. Chiederò come capogruppo al Senato – annuncia ancora Gasparri – che il Presidente della Corte si scusi pubblicamente sia con il Tricolore sia con tutti gli Italiani». Una domanda all’onorevole Gasparri: chiederà anche ai colleghi leghisti di chiedere scusa al tricolore visto che loro, in tutti questi anni, hanno più volte ammesso che con la bandiera ci si puliscono il culo?

Annunci

4 risposte a L’alzabandiera di Gasparri

  1. ranocchio ha detto:

    Gasparri predica bene e razzola ,in quanto si accompagna con chi delll’Italia non gliene frega niente e buttano sempre e soltanto fango su di essa e sulla sua Bandiera ,cheè costa sangue a tanti Italiani e tra questi molti meridionali ,che sono accorsi a difendere le terre e le case dei sttentrionali e dei leghisti.

  2. ormaistanco35 ha detto:

    Gasparri: due neuroni in libertà!

  3. sugar27 ha detto:

    GASPARRI…..CAVOLO ERA MEGLIO GASPAROTTO!

  4. fanumludi ha detto:

    Queste cose sono buone solo per dare aria alla bocca. Condivido la scelta della Cassazione, nonostante sia una scelta “grave”. I giudici della Cassazione sono persone estremamente serie e preparate, e se hanno optato per una scelta del genere vuol dire che stanno davvero lanciando un segnale. D’altronde il problema di questo governo non è la riforma della giustizia, semmai la sua cancellazione, oppure il suo completo asservimento al Cavaliere. Ma si sa che nei rapporti feudali la giustizia centrava ben poco…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...