La ciclista urbana e lo stalking on line dei sostenitori romani di Beppe Grillo

Esprime un giudizio fortemente critico sul programma mobilità redatto dal Movimento 5 Stelle di Roma e viene sommersa on line da insulti, intimidazioni, minacce di querele da parte di un gruppo di sostenitori di Beppe Grillo della Capitale. E’ successo alla blogger bicisnob che, dopo aver letto il programma trasporti di M5S Roma, decide di commentarlo, entrando nel merito delle loro proposte in un post intitolato: La mobilità urbana per i grillini? Autosilos, funivie e, soprattutto, automobili automobili automobili.

La Premessa. Bicisnob scrive che a suo giudizio quel programma non disincentiva il traffico privato e, anzi, l’ipotesi di far passare il trasporto pubblico sopra i tetti delle macchine – costruendo funivie e cabinovie orizzontali – manifesta l’intento di non rompere troppo le scatole agli automobilisti di sotto. Per dare a tutti la possibilità di farsi un’opinione personale sulla vicenda, la ciclista urbana pubblica ovviamente il link al programma di M5S Roma.

La reazione violenta. Pochi istanti dopo la pubblicazione del post “Funivie” su fb e sul blog scatta la rappresaglia. “Quelli come voi sono calunniatori e non si informano e dovrebbero andare affanculo, questo è il programma M5S, e informati almeno cogliona” (Tiziano Quattrini su fb). “Cancella quella merda, stronza, che lo sappiamo chi sei e ti rompiamo il culo”. (anonimo che si firma Grilloforever, messaggio sulla casella di posta privata). “Bicisnob spero ti querelino. Chi ti paga pupetta?”. (Carlo su fb). “Ebete, chi cazzo ti credi d’essere prendi soldi pubblici disseminando la banalità estratta da google” (anonimo che si firma nome falso, commento sul blog bicisnob). “Stronzaaaaaaaaaa, ladraaaaaaaa, pezzo di merdaaaaaaa. Notizia falsaaaaaaaa. Il vero programma 5Stelle Roma non è quello che pubblichi tu” (anonimo che si firma Noisiamoicittadini, commento sul blog bicicnsob, poi autocancellato). “Articolo fazioso, pare non aver letto il programma, consiglio di rimuoverlo, sarà segnalato presto al Movimento e partono subito le querele” (Claudio Laviano, commento sul blog). Eccetera eccetera eccetera…

La reazione sballata. Contemporaneamente una dozzina di persone (Lisa, Bugs, Francesco…) pubblica commenti dello stesso tenore su fb e sul blog. Sono molto simili tra loro e, che coincidenza, arrivano in sequenza. Ecco a titolo esemplificativo il post di Alessandro, uno dei più cordiali di questo tipo, in linea con quello di altri: “Ciao, scusa ma hai preso una cantonata. Forse non hai letto il programma. Ho partecipato alla stesura e il senso è esattamente opposto a quello che hai riportato nel post. La ciclabilità è il punto cardine.. potresti informarti meglio ed eventualmente, se ritieni, rettificare?”. Perché anche questa reazione è sballata? Beh, perché nel post di bicisnob non si parla mai di bici o di ciclabilità, ma sempre e soltanto di mobilità, di trasporto pubblico e traffico privato. Perché diverse persone sentono la necessità di sottolineare quali sono le proposte fatte da M5S in tema di ciclabilità? Ma hanno letto quello che ha scritto bicisnob? E se non l’hanno letto, come fanno a dire che sbaglia a criticare il programma? Eppoi perché a decine insistono che bicisnob non ha letto le proposte M5S, dal momento che la blogger lo ha inserito (via link) all’interno del suo post?

La reazione dialogante. Arrivano infine anche i dialogatori, quelli che provano a dare concretezza al ragionamento. E qui finalmente si entra nel merito, scompaiono insulti e minacce, e si parla della sostanza delle cose. Il botta e risposta coinvolge diverse persone ed è lungo (chi proprio ne ha voglia può leggersi i commenti al post e quelli su fb nel gruppo salvaiciclisti roma) e io non sono in grado di riassumerlo senza che la sintesi falsi la sostanza degli interventi. E quindi mi astengo. Però anche nel dialogo (nonostante la ripetuta assicurazione sulla possibilità di modificare il programma trasporti di M5S) quello che emerge è la difesa a spada tratta delle proposte del Movimento di Grillo, anziché la disponibilità a ragionare sulla fondatezza o meno delle critiche…  Però in questo caso do ragione ai 5 Stelle: perché prendere sul serio una rana che si firma bicisnob?

Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a La ciclista urbana e lo stalking on line dei sostenitori romani di Beppe Grillo

  1. Fabri1234 ha detto:

    I commenti che hai riportato stento a credere che venissero veramente da sostenitori del M5S. Non ci credo, leggo le loto discussioni e toni ed espressioni come quelli che hai riportato, non li riscontro. Non ci vuole niente a firmarsi come sostenitore del Movimento, per poi scrivere un commento idiota od offensivo con lo scopo di screditare il movimento stesso. Ma penso che la maggior parte delle persone con un po di sale in zucca questo lo abbia già capito. Se ti vuoi confrontare con delle persone che veramente appartengono al movimento e se sei vermanete interessata a capire la posizione del movimento e dei suoi membri non hai che da scegliere basta informarti e non crearti una opinione dei membri del M5S sulla basi di nick name ditro ai quali ci potrebbe essere chiunque….e chissà magari anche te.
    Ciao Fabrizio

    • lerane ha detto:

      Ok. Prendo in considerazione l’ipotesi per alcuni commentatori di cui non so effettivamente nulla oltre al nickname. Per altri, invece, ho la certezza che facciano parte del Movimento.😦

  2. pedrop61mario ha detto:

    credo che Grillo col M5S abbia suscitato un grosso effetto sulla massa, nella quale le reazioni sono sempre molto estremizzate. Si estremizzano le reazioni, come spesso accade ad un popolo poco allenato alla democrazia vera (ma lì la colpa la farei ricadere sui quadri dirigenziali, politici ed intellettuali, ci metto pure l’informazione, che hanno bene o male rappresentato lo Stato e la sua cultura profonda fino ad oggi). Oggi più che mai, anche per la congiuntura economica che stringe. Quindi Grillo (o il M5S) lo ami o lo odi. Credo che questa polemica sulla viabilità e sulla bicicletta sia un tantino minimalista e liquidatoria su tutto il M5S e la sua complessità. Bisognerebbe invece avere la forza di condurre un discorso di più ampio respiro sulla questione M5S cercando di uscire allo scoperto, fuori da schematismi precostituiti.
    Ma forse ormai non c’è davvero più tempo. I fatti corrono più in fretta delle idee… e non è sempre un bene.

  3. Gianluca ha detto:

    Se credono ad un Grillo, crederanno anche ad una rana. O no? Razzismo da prato.

  4. Dario ha detto:

    io credo essenso sotto elezioni le persone vengano pagate per diffamare e questa credo che lo sia tutto quì, perchè prendersela con la gente inutile

    • lerane ha detto:

      MESSAGGIO CHIARISSIMO, LUCIDO E PIENO DI SIGNIFICATI. GRAZIE

      p.s. (c’è qualcuno che poi me lo traduce in italiano per favore?)

      • ahahah! questi commenti sono un spasso! a noi basta non dover rischiare la vita tutti i giorni per andare al lavoro… altro che complotti e diffamazioni… e fortunatamente c’è qualcuno che lavora per mandare avanti la baracca!

  5. Michelangelo ha detto:

    Povera Roma….
    Mamma Rana….
    Tortellini al prosciutto con ragù.
    M!!!

  6. Caro Silvio Torre, non ho scritto che siete contro le bici… ho solo attaccato i vostri modi! E dalla tua risposta, dagli insulti ecc.. quello che mi è venuto in mente è “o con noi o contro di noi” e non mi piace per niente! potete anche avere delle idee intelligenti, ma il metodo a me personalmente non piace molto…
    Insultare mi sembra che sia un po’ controproducence… e soprattutto fra voi Rutelli e Casini ce n’è tutta una schiera, non offendiamo.

  7. Silvio Torre ha detto:

    Povera bicisnob, era stata da subito invitata all’incontro “vedrai tante bici fuori, le nostre, c’è posto anche per la tua”.
    Se poi piace a Lei buttarla in polemica e lamentarsi che a comportamenti ineducati si subiscono risposte screanzate, beh… capita. Abbia poi la lucidità di non perdere i contenuti di vista, sennò è stato tutto inutile.

  8. Sandman ha detto:

    A me sembra un altro triste esempio di cieca tifoseria politica. In questo periodo c’è l’invasione tra primarie e normale amministrazione degli altri partiti. Ma un pensiero critico ogni tanto al posto di attaccare?
    Per fortuna c’è sempre chi cerca il dialogo e ha cercato di discuterne.
    Comunque la battuta sul brucomela come alternativa alla funivia l’ho trovata molto divertente!

  9. marco ha detto:

    Solidarietà massima a chi ha finora usato la sua penna per informare, ho finora molto imparato da questo blog e sono molto preoccupato che il nuovo che avanza nn sia meglio del vecchio ma d‘altro canto qualcuno veramente si aspettava che la quercia facesse arance ? la lotta contro chi occupa le strade in modo ignorante e incivile mi sembra simile a quella di chi occupa spazi di informazione o politica. Vai a toccare certi interessi e si scopre chi è il vero italiano e cosa riserverà ai nostri figli il futuro, che tristezza infinita nel mio cuore

  10. mov5st._atlantide ha detto:

    ha troppo raggione aleX!
    sekondo me è colpa delle scie kimiche!!!!!!!!111!!!!!111!!!uno!!!!!1!

  11. sei tu che insulti per prima. se mi dici scemo di rispondo ebete. non va bene?

    • Sandman ha detto:

      All’asilo forse. Ma anche lì la maestra poi rimprovera i due alunni e dice che non ci si rivolge così tra bravi bambini.

  12. lerane ha detto:

    Reblogged this on bicisnob.

  13. alex ha detto:

    quella blogger è un fake, cercate la sua foto, è presente in numerosi blog, guardate

    ovvio che è una strategia per colpire il m5s – ne pensano di tutti i colori
    se ha qualcosa da dire può farlo nelle assemblee pubbliche, aperte a tutti, certamente si rende più utile che criticare su un blog… troppo snob, appunto
    w m5s

    • Diego ha detto:

      “Scusate se mi intrometto, non vorrei farmi i c…i di nessuno” [cit. Pieraccioni], ma qui si sta veramente esagerando! Cospirazione perchè una usa su un blog una foto non sua? ma stiamo scherzando?? Se non ascoltate voi dei pover str..zi (me compreso) che tutti i giorni mentre pedalano devono prendere merda da macchine, taxi, moto, tricicli, per non inquinare o perchè non si possono permettere la benzina, chi li ascolta? Ci si aspetterebbe un po’ meno chiusura mentale da parte di un partito nuovo… e invece siete peggio dei vecchi!
      Basta parole, ci siamo stufati delle parole… qui ci vanno i fatti! O fatti o avete perso un potenziale elettore.
      Scusate se non sono stato abbastanza volgare, avrei potuto fare di meglio!

      • Silvio Torre ha detto:

        Ma no, Diego, hai ragione. Il 5 Stelle è contro le bici, lo diciamo persino nel primo programma per le liste civiche (La carta di Firenze), nel programma nazionale, in oltre mille proposte di legge visibili sul forum:
        http://www.beppegrillo.it/listeciviche/la-carta-di-firenze.html
        5. Piano di trasporti pubblici non inquinanti e rete di piste ciclabili cittadine
        E’ il 5° di 12 punti. Roba da vecchi come la mobilità per disabili, la connettività gratuita, rifiuti zero, produzioni locali, espansione del verde urbano… robe così.
        Chi di noi è al governo ha già restituito i rimborsi elettorali e cominciato a farli i fatti. Però c’è sempre l’alternativa di votare il giovane rutelli o l’infante casini.
        Kisses.

    • Anna ha detto:

      Povera Roma……

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...