Monti e il ritorno dello scontrino ideologico

Ero preoccupata perché sempre d’accordo con Massimo Gramellini della Stampa. Non che mi dispiaccia essere spesso d’accordo con qualcuno, ma il sempre lo trovo eccessivo. Fortunatamente l’editoriale di oggi (Il ritorno dello scontro ideologico) mi consente di essere dissenziente. Scrive Gramellini, raccontando l’intervento di Nichi Vendola a Che tempo che fa, che una volta tolto di mezzo il populismo berlusconiano “le idee tornano ad avere un nome e ci si ricomincia a dividere non sull’antropologia, ma sulla politica”. Tuttavia, prosegue Gramellini, Vendola “sulla poltrona di Fazio è tornato a indossare i panni dell’anticapitalista che in Monti vede il liberismo presentabile, ma pur sempre il liberismo: sensibile più alle ragioni del profitto che a quelle dell’ambiente o della giustizia sociale. Dopo vent’anni di deriva populista c’eravamo dimenticati che in tutto il mondo esiste anche un liberalismo conservatore: serio, colto, perbene. E minoritario, almeno in Italia, perché minoritaria è la borghesia che lo esprime (…) Forse però ci eravamo dimenticati che esiste anche una sinistra anticapitalista, indisponibile a stilare un programma coerente di governo con altre forze progressiste che pur contrastando Berlusconi accettano la Borsa e le banche”. Bene. Premetto che dopo tanta pornografia politica, mi sembra inevitabile la parentesi dell’Uomo Facis. Premetto che accetto la Borsa e le banche. Premetto che prediligo le divisioni politiche a quelle antropologiche. Pero! Se Monti loda le norme scritte da Gelmini per l’Università e le norme riscritte da Marchionne per i lavoratori così come se pensa a una reintroduzione dell’Ici sulla prima casa e non a una patrimoniale, non credo che non si debba criticare, anche a costo di essere processato come anticapitalista da Gramellini. E comunque ho una domanda per Gramellini: ma è da marziani pensare alla possibilità, a destra come a sinistra, di una politica sensibile alle ragioni del profitto, a quelle dell’ambiente e a quelle della giustizia sociale?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Monti e il ritorno dello scontrino ideologico

  1. fulviosguerso ha detto:

    A quanto pare sì. Ma poi chissà che cosa ne penserebbero i marziani! .Tra l’altro non credo che Monti provenga da Marte. Accontentiamoci che non provenga da Venere! Un passo alla volta, no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...