Nucleare, Enel vuole andare avanti. E io cambio operatore

Non bisogna reagire in maniera emotiva, come successo altre volte. Non si può escludere il nucleare“, dice l’ad di Enel Fulvio Conti. E allora – te lo assicuro Conti – in maniera assolutamente non emotiva ho deciso che mentre tu vuoi andare avanti io voglio andare da un altro operatore. Domani disdico il contratto con Enel e i soldi della bolletta elettrica li do a una azienda che non è impegnata nel nucleare. Risparmio anche qualche euro (ci sono offerte decisamente più vantaggiose delle tue) e soprattutto, nel mio piccolo, evito di continuare a pagarti lo stipendio.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Nucleare, Enel vuole andare avanti. E io cambio operatore

  1. nonno luigi ha detto:

    Io penso che con una dieta di cipolle & legumi ( segnatamente fagioli neri messicani , che sono i più virulenti ) ognuno di noi potrebbe raggiungere l’autosufficienza energetica…biogas , è il nostro futuro…

  2. Sonia ha detto:

    Lo sto facendo anch’io. Lascio Enel e vado con un gestore più piccolo che sviluppa energie alternative e non nucleare.
    Ma come mai i nostri politici sono così accaniti sostenitori del nucleare? Nn è che hanno fatto promesse a certi “amici” che non amano essere presi in giro e che stanno mettendo le mani su tutte le attività italiane?
    Mah……..

    • pedrop61 ha detto:

      Sulle tue considerazioni credo che i politici italiani, in schieramento trasversale, siano compatti nel sostenere tutte le imprese che lavorano su cemento e mattone; Sia per chi è al governo, sia per chi sta all’opposizione. Dopotutto siamo in italia, il paese che ha subito la più vasta espansione di eidfici negli ultimi 30 anni…e sta ancora espandendo.
      Le centrali nucleari non partiranno mai, come abbiamo già visto nella storia recente del nostro paese; l’uranio costa troppo, si sta esaurendo, le vie produttive sono già incanalate nei paesi ove il nucleare lo usano da tempo. Tuttavia c’è il piatto ghiotto dell’edificazione delle infrastrutture che farà felici i costruttori edili ovvero i veri padroni (assieme a petrolieri e produttori di auto) dei partiti in Parlamento; e tutto quello che fa felici loro, fa felici i partiti medesimi.

  3. Kemi ha detto:

    Ne conoscete? Per cortesia fatemi qualche esempio! Sarei felice si cambiare se fossi sicura di non peggiorare la situazione!
    ciao
    Kemi

  4. Obbie ha detto:

    Giusto!
    Cavolo anch’io!
    Queste sono le azioni da fare, quando una grande azienda o multinazionale fa qualcosa che non ci piace, non facciamo più uso dei suoi servizi o prodotti!
    Questo è il modo giusto di agire per riprendere un minimo di controllo delle decisioni, per non lasciare che vengano sempre prese sulle nostre teste!
    Agiamo in blocco così, pubblicizziamo le nostre azioni!

  5. Fri ha detto:

    Che bella idea! Ci stavo pensando anche io!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...