Ma cos’è questa crisi (para para pa pa pa)

Sospeso dall’ordine dei giornalisti, Vittorio Feltri continua a firmare Il Giornale ed editoriali in prima pagina. E per tutti noi è un bene, perché ci regala perle di saggezze e impagabili reportage. Stavolta Feltri veste i panni di inviato nell’ingorgo autostradale pasquale, osservatore privilegiato (dal parabrezza della sua auto) della fine della crisi economica.

Ma dov’è questa crisi? – si chiede Vittorio Feltri – Se c’è non si vede che nelle statistiche la cui attendibilità è pari a zero. Basti pensare che secondo cifre ufficiali il cinquanta per cento degli italiani avrebbe un reddito annuo di 15mila euro lordi. Fosse vero ciascuno di noi, camminando per strada, dovrebbe continuamente scansare cadaveri di morti di fame. Invece altro che morti di fame. Lunedì pomeriggio, primo pomeriggio, per rientrare a Milano da Bergamo sono stato due ore in coda sull’autostrada. Ed era solo l’anticipo di quello che sarebbe successo più tardi, l’avvisaglia di una bolgia infernale in cui si sono arrabattati i vacanzieri da Venezia al casello di Sesto San Giovanni. La tivù ci ha fornito immagini terrificanti del cosiddetto fine ponte pasquale: un fiume in piena di automobili in barba all’aumento del prezzo dei carburanti. La vita costa di più? E chi se ne frega. C`è la crisi? Riguarda qualcun altro. Ma i qualcun altro sono tanti, forse la maggioranza, visto che l’esodo e il controesodo quest’anno hanno battuto ogni record, almeno secondo i dati, mi auguro non fasulli, elaborati all’istante non so dirvi con quale metodo.

Due domande per Feltri: come mai le statistiche, che so, sulla disoccupazione hanno attendibilità pari a zero mentre sono credibili i dati elaborati all’istante non so dirvi con quale metodo? Eppoi: considerando che a Roma bastano due gocce di pioggia per paralizzare il traffico cittadino, secondo lei questo inverno così carico di temporali ha fatto impennare il Pil della Capitale?

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Ma cos’è questa crisi (para para pa pa pa)

  1. roberta ha detto:

    feltri si è talmente distaccato dalla realtà che pensa che con 15000 euro annui si dovrebbe morire di fame per strada, mentre tantissimi di noi riescono con difficoltà a viverci… feltri, non era un’esagerazione…ci sono veramente moltissime persone che prendono mille euro al mese, giuro! e pensa che spesso e volentieri non sanno se dopo 6 mesi li prenderanno ancora..incredibile, vero?

  2. Woland ha detto:

    Perchè non si fa riferimento sull’indebitamento delle famiglie italiane?

  3. paola ha detto:

    Ma scusate, come può Feltri continuare ad essere Direttore del Giornale se è stato sospeso dall’Ordine? Non è un obbligo di legge, l’iscrizione, per chi dirige una testata?

  4. Isidoro Aiello ha detto:

    Il cagnolino di Feltro, detto Vittorio, non finisce mai di stupire per la sua imbecillità: è convinto che il popolo italiano, quello dei disoccupati, dei precari, dei licenziati, dei giovani in cerca di prima occupazione, possa essere convinto da Lui-Silvio, che il loro disagio sociale è fasullo!! Infatti in Italia , grazie alla politica del suo Padrone, vive una popolazione di furbi, evasori, imbroglioni , mafiosi, riciclatori di danaro sporco, politici corrotti con i loro amici e parenti, imprenditori scaltri, che sfruttano le leggi fatte ad hoc per accrescere la loro ricchezza a danno dei cittadini onesti. Questi sono quelli che ingorgano la autostrade disturbando il cagnolino di Feltro; non hanno mica i problemi dei cittadini onesti, che pagano anche le tasse, mica devono stare attenti per arrivare a fine mese: un terremoto di qua, un grande evento di là, un ponte sullo stretto da Olbia a Civitavecchia, un G8 finanziato con i soldi dei sardi e poi trasferito altrove, ed una moltitudine di persone va in vacanza, ingorga le autostrade con macchine da oltre 50.000 euro, ma a basso consumo! Viva l’Italia dei ricchi , peggio per gli altri , la maggioranza, che fanno fatica a sbarcare il lunario e che forse, caro cagnolino di Feltro, sono anche onesti: peggio per loro!!!

    • adaebasta ha detto:

      Premetto che sono d’accordo con te, ma mi chiedo se la maggioranza e come dici dove erano quando si doveva votare? e voglio ricordare che astenersi dal voto o annullare la scheda e come dare il voto alla maggioranza.

  5. eremo2 ha detto:

    sfrontatezza e malafede di uno scherano, ruffiano di quella politica che premia evasori e farabutti a cominciare da chi lo comanda

  6. paolop ha detto:

    i delinquenti abituali, che hanno occupato i palazzi della politica, del parlamento e dei luoghi di potere che contano, ormai hanno sdoganato tutto e tutti. per cui, nonostante il sanzionamento, il deliniquente abituale feltri continua a vomitare l’essenza del suo animo sulla carta. Ben diversa sorte tocca a tutti gli altri comuni mortali, i quali, se improvvidamente colti in flagranza di qualche reato, anche piccolo, piccolo, che sò: mancato ritiro o emissione di uno scontrino fiscale, multa per divieto di sosta, bolletta non pagata, devono subire l’implacabile mannaia di una giustizia a senso unico.

  7. Silvia ha detto:

    anni fa a treviso c’era un assessore all’ambiente leghista che riteneva poco attendibili le colonnine che rilevavano l’inquinamento: il suo naso era più attendibile e gli suggeriva che l’aria era pulita!
    che feltri sia andato a scuola da Chiole?

    • pennadaquila ha detto:

      :))) ci dev’essere una matrice con cui stampano gli imbecilli. questa del naso del leghista non la sapevo. i loro percorsi di logica sono talmente simili che secondo me hanno una radice addirittura genetica. e di più di queste intelligentate se ne vantano più pubblicamente che possono! le prime pagine dei giornali, i talk show …
      tutto questo rimarrà negli archivi di una storia i cui pseudo-condottieri appariranno per quello che sono, dei buffoni e come tali vanno trattati. brava rana!

  8. lucio lanza ha detto:

    fuanambolicamente in equilibrio tra subdola malafede e ingenua disinformazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...