Ora legale

Secondo Nicola La Torre, senatore del Pd eletto in Puglia, la tempistica dell’arresto di Sandro Frisullo, a una settimana dal voto, può destare qualche sospetto.

Uhmmm… dov’è che ho già sentito questa frase?

Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Ora legale

  1. adriana ha detto:

    certi politici dovrebbero lasciare il posto a chi con passione e non con calcolo vorrebbe poter fare politica con più dignità!!!!!!

  2. Ottodixit ha detto:

    Mi sa che questo Latorre è il fratello furbo della Binetti …

  3. Claudia ha detto:

    Non imitiamo Berlusconi, se Frisullo è colpevole deve essere giudicato e condannato, non ha attenuanti, ha sputtanato il se stesso e il partito. E questo non possiamo permetterglielo. Non ci attacchiamo al fumo della pipa, La Torre certe dichiarazioni non doveva farlo o doveva stare zitto o doveva esprimere parole di condanna e d’incoraggiamento ai giudici che devono andare fino in fondo.
    Per cortesia non tirate sempre in ballo D’Alema lo mettete ovunque come il prezzemolo……

  4. paolop ha detto:

    ….ebbasta con questi arzigogoli masturabtori di arcoriana memoria. Latorre dovrebbe fare una cosa per il bene del paese, anzi due, la prima è tacere, la seconda mettersi a riposo (a quelli come lui, adifferenza di noi comuni mortali, la pensione la danno…e bella grossa). Il signor frisullo, accanito puttaniere, ha abusato del suo ruolo pubblico per profittarsi dei favori sessuali concessi tramite “Terry” su mandato del mafioso tarantini. In tempi migliori e in un paese migliore, gente simile andrebbe messa contro a un muro e fucilata, o tutt’al più mandata in campo di rieducazione. Ma si sa, purtroppo siamo in italia… e i sospetti cadono invece su quelli che l’hanno scoperto gradire i gadget sessuali di tarantini.

  5. eremo2 ha detto:

    purtroppo sono perfettamente d’accordo con Paolo, e ammetto che la constatazione non solo è fondata, ma anche supportata da una serie di altre considerazioni che via via si sono accumulate sul discredito effettivo guadagnato dal personaggio dalla bicamerale in poi, compreso il sospetto plauso di Cossiga che lo accompagnò per diverso tempo, il fatto magari casuale ma davvero poco simpatico che la sua rivista di ambizioni europeistiche e il suo canale televisivo abbiano sede proprio a palazzo Grazioli, a una spanna dall’omuncolo tricoasfaltato, fino all’ultima faccenda delle liste in puglia

  6. Giovanni ha detto:

    pidielle senza elle?

  7. Paolo ha detto:

    Ma La Torre non era quello che, ospite ad un programma de La 7 fece l’assist a Bocchino (un pizzino passato di sottecchi) per attaccare Di Pietro?
    Ora, dopo aver imposto (lui e l’amico D’Alema, quello che non fece la legge sul legittimo impedimento) a Vendola cotanto Vicepresidente, pensa bene di sostenere la cambagna contro le Toghe Rosse del Cavaliere.
    Infondo c’è molta coerenza in tutto ciò… a sinistra molti ormai hanno più di un dubbio che D’Alema & Co (banche e comitati d’affari) abbiano ben poco a che spartire con il comunismo… e con il Rosso più in generale…

  8. nonno luigi ha detto:

    Honni soit qui mal y pense…!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...