Polverini di Stelle

Il panino di Alfredo Milioni apre le porte, nel Lazio, a un variegato e bislacco manipolo di consiglieri regionali: tra i probabili eletti del centrodestra una paladina della moratoria dell’aborto, un oppositore dell’occidente consumista, un aspirante suicida, l’ex medico della Roma e un professionista dello zerovirgola. Si affiancheranno a Sgarbi, Storace e Pionati.

Finora le liste civiche create a sostegno degli aspiranti governatori hanno eletto nel Lazio una modica quantità di consiglieri: due, tre, quattro al massimo. Queste formazioni, nate e morte nello spazio di un’elezione, servono per lo più a rastrellare i voti sparsi, le preferenze di chi sceglie un presidente di regione senza voler contemporaneamente mettere la “X” sui partiti che lo sostengono.

Adesso lo scenario (se i giudici confermeranno l’esclusione del Pdl dal voto di Roma e provincia) è radicalmente diverso. E’ scontato, infatti, che il partito di Berlusconi non distribuirà voti gratis agli alleati della sua candidata (Udc, La Destra, Adc di Pionati, pensionati, Sgarbi e Udeur) ma darà l’unica indicazione possibile: votare la Lista Renata Polverini. Risultato? Se prima del panino di Alfredo Milione gli eletti potevano essere due o tre, ora più della metà dei 41 candidati della Lista Polverini potrebbero finire nel Consiglio Regionale del Lazio. Messi lì per far numero, si ritrovano improvvisamente un posto in prima fila.

Problemi? Per la Polverini uno in più. Una cosa è fare i conti con un outsider dalle idee un po’ strampalate, che doveva solo portare un po’ di voti al mulino e invece inaspettatamente viene eletto. Altro è tenere a bada un variopinto e bislacco gruppetto di 20-25 consiglieri che hanno posizioni politiche talvolta assai diverse tra loro.

Prendete il numero 39 della Lista Renata Polverini: Antonfrancesco Venturini, Cavaliere del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Si batte per la redistribuzione del reddito e per contrastare le politiche energivore dell’occidente consumista.

Oppure il numero 6, Olimpia Tarzia (detta Tarsia) del Movimento per la Vita. Propone una moratoria sull’aborto e la revisione della 194 per offrire finalmente alle donne la libertà di non abortire.

Al numero 32, c’è invece Maurizio Perazzolo, titolare di uno degli impianti sportivi romani costruiti in occasione dei Mondiali di Nuoto e finiti sotto inchiesta. Quando gli hanno sequestrato la piscina per presunti abusi edilizi è salito sul tetto del suo circolo e ha minacciato di buttarsi di sotto.

Il numero 12 è Mario Brozzi, ex medico della Roma, il numero 4 è Ettore Viola, figlio dell’ex presidente della Roma, il numero 29 è Nicodemo Panuccio, promotore di arti marziali, il numero 9 lo indossa Alessandro Battilocchio (“socialista da sempre e fiero di esserlo), mentre in panchina (numero 27) siede anche Umberto Nardinocchi. E’ un habitué del voto, uno di quei personaggi che propongono liste dai nomi suggestivi (nel 2008 aveva corso alle provinciali con il trittico Grillo Parlante, Forza Roma e Avanti Lazio) senza mai riuscire a portare a casa un seggio. Forse, pure per Nardinocchi, è arrivata la volta buona.

Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Polverini di Stelle

  1. corallina viviani ha detto:

    articolo strabiliante! Una vera chicca di giornalismo satirico………………………
    Speriamo che quest’impiccio, in caso possibilissimo di riammissione polverini, non ci porti male!
    dati i nomi citati, non resta che gufare, ma proprio tanto………………………………

  2. Isidoro Aiello ha detto:

    Comunque vada a finire questa vicenda non fa altro che sottolineare, se ce ne fosse ancora bisogno, il livello infimo della classe dirigente che si è andata selezionando negli anni, da quando l’accesso ai cittadini e quindi una rappresentanza democratica nelle istituzioni è stata negata al popolo italiano. La crisi profonda, che sta percorrendo l’Italia in tutti le sue articolazioni, sta risvegliando le coscienze. I tempi sono maturi per scacciare una classe dirigente indegna e ricostruire un tessuto civile e democratico

  3. gustavo ha detto:

    Sarà un irripetibile armata Brancaleone!!!Se avesselo voluto farla sul serio…dubito ci sarebbero riusciti!!!

  4. adriana ha detto:

    e ti pareva che era colpa della sinistra…………ma la faccia dove l’hanno messa??????

  5. Bianca ha detto:

    vabbè, non è che i “titolari” fossero tanto meglio…..

  6. paolop ha detto:

    la scuola di Evangelisti insegna…insegna !!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...