che culo!

Rassegna Stanca ospita una lettera indirizzata a Corrado Augias e pubblicata da Repubblica. L’autore è Antonio Di Furia, la capacità di sintesi (direi) è perfetta. 

Gentile Augias, vivo a Milano 2, in un palazzo costruito dal presidente del Consiglio. Lavoro a Milano in un’azienda di cui è azionista il presidente del Consiglio. L’assicurazione dell’auto è del presidente del Consiglio, come l’assicurazione della mia previdenza integrativa. Compro il giornale, di cui è proprietario il presidente del Consiglio, o suo fratello, che è lo stesso. Vado in una banca del presidente del Consiglio. Esco dal lavoro faccio spese in un ipermercato del presidente del Consiglio, dove compro prodotti realizzati da aziende partecipate dal presidente del Consiglio. Se decido di andare al cinema, ho una sala del circuito di proprietà del presidente del Consiglio dove guardo un film prodotto e distribuito da una società del presidente del Consiglio (questi film godono anche di finanziamenti pubblici elargiti dal governo presieduto dal presidente del Consiglio). Se rimango a casa, guardo la tv del presidente del Consiglio con decoder prodotto da società del presidente del Consiglio, dove i film realizzati da società del presidente del Consiglio sono interrotti da spot realizzati dall’agenzia pubblicitaria del presidente del Consiglio. Faccio il tifo per la squadra di cui il presidente del Consiglio è proprietario. Guardo anche la Rai, i cui dirigenti sono stati nominati dai parlamentari che il presidente del Consiglio ha fatto eleggere. Se non ho voglia di tv, leggo un libro, la cui editrice è di proprietà del presidente del Consiglio. È il presidente del Consiglio a predisporre le leggi approvate da un Parlamento dove molti dei deputati della maggioranza sono dipendenti e/o avvocati del presidente del Consiglio, il quale governa nel mio esclusivo interesse. Per fortuna!

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

26 risposte a che culo!

  1. Antonio Di Furia ha detto:

    Cari amici della Rassegna Stanca, il pezzo non l’ho partorito io, ma posso dire che con orgoglio che l’ho adottato.
    Esso ha avuto visibilità dopo la pubblicazione su “La Repubblica” ed il commento di Corrado Augias .
    Invito tutti coloro che ne abbiano il tempo e la voglia a farne fotocopia ed affiggerlo in luoghi dove possa essere letto da più persone, preferibilmente elettori di berlusconi (scritto con “b” minuscola ,come suggerisce la nostra amica straniera…),proprio come si faceva prima di internet ( e prima di silvio…).grazie a tutti . un caro saluto . antonio di furia.

  2. bepu ha detto:

    Quanta ignoranza o malafede ? Ma quanti Formicola ci sono in Italia (purtroppo).
    Aveva ragione Totò nel dire “Siamo uomini o caporali?” Berlusconi ed i suoi accoliti o ammiratori sono “caporali”, mentre il resto (Noi)
    siamo UOMINI.
    Vorrei far presente al Sig. Formicola (o a chi si nasconde dietro a lui quanto segue :
    1. Non è vero che è lo psiconano è presidente di tutti gli italiano (mio no di certo) : deve aver avuto la vittoria (per pochi voti) di QUELLI CHE
    HANNO VOTATO (quindi SOLO il 33% circa degli aventi diritto) quindi questa è una grande strinzata che si ontinua a ripetere, ma non è vera (come il milione di persone della riunione di sabato scorso!)
    2. i soldi suoi non vengono nè dalla Russia nè dall’ America : vengono dalla Sicilia !! (tra l’altro lui è grande amico dell’ (ex) comunista Putin (ex) capo del KGB !! Guarda un po’ !!
    3. Anch’io sarei diventato un grande imprenditore se avessi avuto la copertura e l’aiuto di un certo Craxi (ed i soldi di cui sopra provenienti dalla maf ….. pardon! Sicilia) : stiamo ancora pagando una multa all’ unione europea per lo scippo di reta $!!
    Ma ‘sto Formicola ci crede tutti scemi! (e la cicala dov’è?).

  3. Cesc1 ha detto:

    Che dire? Siamo tutelati proooooprio fino in fondo.
    Manca solo che l’aria e l’acqua vengano privatizzate..oops…manca solo l’aria….

    ilpoteredellarete.blogspot.com
    ilpoteredellarete.blogspot.com
    ilpoteredellarete.blogspot.com

  4. Gianfranco Formicola ha detto:

    Alla cortese scrittrice di “che culo” faccio solo presente che le simpatiche cose che elenca testimoniano solo che il Presidente del Consiglio , premier del Governo di tutti gli italiani, votato in quella funzione dalla maggioranza degli italiani, è solo anche un bravo imprenditore, oltre che un bravo politico. E che i soldi per le sue campagne elettorali se le guadagna da solo e non se le fa venire dalla Russia o dalla America, come accadeva fino a non molto tempo fa. Perchè non analizzi cosa hanno o cosa non hanno gli altri premier dei paesi europei e non ? Per esempio i premier dei tanti stati che componevano fino a pochi anni fa la grande, amata, osannata Grande Russia ?
    Ma la tua che cos’è invidia sociale ?

  5. Gabry ha detto:

    …. governa nel SUO … esclusivo interesse .. !

  6. laura cima ha detto:

    divertente ma un pò datata. oggi il problema è che comandano ndrangheta (franco Pugliese dice a Di Girolamo senatore PDL sei il mio schiavo) e la massoneria (inchiesta di Fi)con l’avallo di Berlusconi che con le leggi ad persona assicura impunità a se stesso e ai suoi amici e alla criminalità organizzata. Visita il mio blog e leggi l’ultimo post

  7. teresa silvia ha detto:

    quando cominciamo a boicottare sistematicamente tutto quello che è di proprieta dello psiconano o di qualche suo affine?
    se i soldi e il potere sono, come sono, credo, l’unica molla che lo spinge, cominciamo a colpirlo lì. non compro più libri mondadori da anni, smisi di comprare ciak, che era la rivista che preferivo non so più quando. non guardo mediaset (tranne la mattina alle 5,45 , boston legal, senza pubblicità). se sulla rai sento – vedo qualcuno che è berlusconiano, e si capisce, cambio canale. se compare il “faccione” o qualche leccaculo, cambio canale. non compro mai prodotti dei quali ho visto la pubblicità.
    ho una macchina indiana, del 2008, che perde pezzi come se la pagassero, a metano.
    guardo con piacere il Fantabosco, anche se ho 59 anni. sto bene, compatibilmente con la sofferenza quotidiana che comporta vivere in italia oggi. suvvia, boicottiamo.

    • Luciano50 ha detto:

      Anch’io Teresa Silvia, da un pò di tempo ho iniziato a fare le stesse cose. Parlando con amici, anche loro mi riferiscono di avere attuato spontaneamente una disobbedienza civile, di tutto ciò che ha il marchio del sultano.
      Probabilmente è un modo per sfogare la nostra impotenza, rispetto a ciò a cui assistiamo quotidianamente e che dobbiamo subire come una condanna.
      Oppure chissà, magari divulgandolo in rete, potrebbe avere degli sviluppi. Che dici lerane è illegale lanciare una campagna di boiccottaggio?

  8. sentimenti IV ha detto:

    Scusino, ma sono anziano pur se ancora sveglio di memoria. Questa storiella apparve negli anni 70 su Selezione a proposito di …
    http://en.wikipedia.org/wiki/Migros
    Nulla di strano: vuol dire che Gastone (o DorsoGrigio, per i darwiniani) ha superato il GrandePuffo.
    E comunque c’è speranza: a Mendrisio va forte la Coop (meglio per ora secondi, come il Felice dietro a “LeCannibal”)!

  9. gabriella ha detto:

    Democrazia o dittatura?n this is the question

  10. Stef7 ha detto:

    … ma la cosa più bella è che ce la siamo costruiti noi la nostra Matrix…. e ancora non vedo un Morpheus che possa dare la pillola giusta agli italiani in modo che si sveglino e aprano gli occhi.

  11. IVRAM ha detto:

    Azz! e quando vai in bagno, scommetto che prima di tirare lo sciacquone è lì che ti fissa…il Presidente del Consiglio…. O.o
    non è una vita è un incubo…….

  12. Luciano50 ha detto:

    Avete dimenticato “Jus primae noctis”. Lui ci tiene così tanto!!! Così culo non è fuori tema.

  13. cris ha detto:

    è curioso davvero: questo testo, con poche varianti, è vecchissimo! ma vedo che chi lo legge oggi è stupito come 10 anni fa. perché non è cambiato niente.

  14. geni ha detto:

    Sono una straniera e seguo molto la politica italiana e osservo anche gli italiani…purtroppo ignoranti per il semplice motivo che non leggono giornali. Viaggio con la metro e vedo pocissima gente che legge giornale come me.Questi giornaletti che distribuiscono alla metro , servono per disinformazione. Allora secondo il mio parere gente non lo sa chi è veramente berlusconi ( per il puro rigetto verso questo personaggio ,non riesco scrivere il suo coniome con maiuscola). Se lo sapesse ,da un pò di tempo la folla non dovrebbe moversi da piazza Colonna incitarlo ad andarsi in quel paese insieme con i suoi leccaculo , non prima però che avrà restituito i soldi rubati all’ italiani.

    • paolop ha detto:

      carissima geni,
      il fatto che gli italiani non leggano i giornali non dovresti considerarlo sempre e comunque una dimostrazione di ignoranza. Sia chiaro spesse volte la questione dipende dall’ignoranza dall’ignavia e pigrizia e dal dominio quasi assoluto della televisione su tutti i mass-media e sula vita degli italiani. Tuttavia per molti questa è una risposta alla mancanza di informazione nel nostro paese. I giornali forniscono le notizie che vogliono in funzione del padrone che servono. Non si tratta più di leggere un giornale per essere informati ma di accettare di subire una propaganda o l’altra. Di fronte a questo tentativo di controllo non ci sono anime immacolate. O uno decide di schierarsi con i guelfi o va con i ghibellini. Guardacaso, non si sono viste troppe campagne di stampa contro gli inceneritori della Signora Marcegaglia, si è saputo poco o niente delle fabbriche albanesi che il Signor DellaValle ha messo in piedi in questi anni. Poco o niente degli affari che tanti imprenditori italiani vanno a fare in russia (compresa la partita di scatolame al botulino del signor Cremonini); tanto per fare alcuni esempi. La diatriba che si apprende leggendo i giornali riguarda piuttosto attività pruriginose riferite ai nostri importanti personaggi politici, poco o nulla delle prebende di cui godono loro e i loro boiardi (dirigenti di enti pubblici e baroni universitari). I giornali in italia , con la diffusione della rete e dei suoi aspetti più strettamente inerenti la libera informazione e circolazione delle idee, sono destinati a morire, anche xchè prima di tutto sono morti i giornalisti. Ci sono rimasti solo dei funzionari di parito o di questo e quel padrone. Se è così meglio che spariscano. Amen !

  15. adaeada ha detto:

    C’ è un bellissimo pezzo su Decameron dove Lutazzi spiega come secondo lui è il rapporto degli italiani verso berluscono, vi consiglio di guardarlo.

  16. adaeada ha detto:

    Evviva il re!

  17. Nomerebota ha detto:

    Accidenti!! Ho avuto un attacco di claustrofobia!!!

  18. bellissimo, lo pubblichiamo anche noi su ilrefuso.com

  19. Isidoro Aiello ha detto:

    Berlusconi ha realizzato il suo sogno (ma noi ne abbiamo un altro!!). quello di possedere una grande fetta dell’Italia ed il resto di controllarla attraverso la sua S.p.a, ilGoverno. IL parlamento è l’assemblea dei soci con maggioranza ed opposizione, ma,tutti lavorano nell’interesse e per la sopravivenza della loro società e quindi di sé stessi. La Casta che fa capo a Berlusconi, che ne è l’esimio interprete, ha dimenticato un piccolo particolare, che la S.p.a è dei cittadini e che i consiglieri di amministrazione devono rendere conto a tutti gli azionisti, cioè ai cittadini. Quand’è che i cittadini cacceranno i loro rappresentanti infedeli?

  20. complimenti ad Antonio Di Furia, pezzo illuminante!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...