Ieri, oggi, domani

Ieri. I politici milanesi si sono accorti che la loro città è inquinata dal traffico. Considerando che, a Milano, è allarme smog fin dai tempi dell’invenzione dello smog, la sindaca Letizia Moratti e i suoi colleghi non hanno impiegato qualche decennio di troppo a nasare la brutta aria che tira?

Oggi. Il ministro Altero Matteoli ha scoperto che in Italia le auto sono troppe. “Non c’è nessun Paese al mondo – ha detto – che ha un rapporto così alto tra abitanti e auto”. Ma caro ministro! Lei sta alle infrastrutture e ai trasporti, mica al ricamo e all’uncinetto. Non sarà che tutte queste auto ci sono perché c’è chi pensa troppo ai ponti sullo stretto e poco agli ingorghi quotidiani in città?

Domani. C’è attesa per nuove, strabilianti sorprese sul tema traffico e smog. Chissà, un autorevole esperto di sanità potrebbe sbalordirci affermando che ogni anno gli incidenti stradali uccidono migliaia di persone. Oppure uno stimato economista potrebbe lasciarci a bocca aperta calcolando che quest’anno la Fiat (privata) torna all’utile, mentre tutte le aziende di trasporto (pubblico) vivranno l’ennesimo anno di deficit. O ancora un illustre ingegnere dei trasporti potrebbe scioccarci…

Beh, mi fermo qui, abbiamo tempo per fantasticare: in fila, incolonnati nel traffico!

Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Ieri, oggi, domani

  1. teresa silvia ha detto:

    le uniche rane da me frequentate erano quelle piccole, poco più che girini, che incontravo da bambina vicino alla Greve, che è il fiume di Scandicci. poi c’era stato qualche episodio di gre gre che non mi faceva dormire e poi un lunghissimo vuoto.
    io frequento gatti, vivo con i gatti, i miei ricordi positivi sono di gatti.
    le rane non sono mai entrate nell’orizzonte delle mie frequentazioni. sono vegetariana, però, quindi sicuramente non le mangio.
    incontro spesso rospi ammazzati dalle macchine, la mattina presto, quando vado a camminare, e mi si stringe lo stomaco tutte le volte. ma questo succede anche per i ricci che trovo spiaccicati, o per gli uccellini.
    queste rane mi sono risultate gradevoli, hanno bei colori e dicono cose sagge.

  2. teresa silvia ha detto:

    litigato chi? perchè?

  3. Woland ha detto:

    Raziocinatori dell’ovvio

  4. zaurak ha detto:

    oggi scopro il tuo blog. rispetto per te e quello che scrivi.. questo è uno spazio d’ oro tra la m er da di internet

  5. isason ha detto:

    buahahhaha bella questa ranocchia. soprattutto il problema lo fanno gli stati che continuano (perche non possono farli smettere) ad aiutare le industrie di auto. secondo proprio perche non possono farle smettere la colpa è delle autorità che lasciano crescere imprese too big to fail, usando un tema tanto caro al giorno d’oggi. e poi ci accorgiamo, magari, che viviamo in situazioni oligopoliste da sballo oppure in vere e proprie situazioni di monopoli metropolitani senza controlli di che.

  6. teresa silvia ha detto:

    son contenta di avervi letto e di essermi riconciliata con le rane.
    d’altra parte le imbecillità dei nostri governanti sono infinite. ci sarà di che divertirsi.
    grazie

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...