Un posto al sole per la first lady siciliana

L’istituto controllato dalla Regione Sicilia finanzia l’impianto della moglie del governatore Lombardo. Ben 5 milioni e 600 mila euro di fondi. Storia di un affare di famiglia domani in edicola su L’Espresso

È un piccolo conflitto di interessi alla luce del sole, è il progetto di finanziamento per un impianto fotovoltaico, approvato dal consiglio di amministrazione dell’Irfis, l’istituto di mediocredito siciliano, a favore dell’impresa agricola di Saveria Grosso, la moglie del presidente Raffaele Lombardo. Il progetto vale oltre 5 milioni e 600 mila euro. La somma sarà coperta in gran parte dalla banca di investimenti, il cui pacchetto di maggioranza è sotto l’egida di Unicredit con la regione Sicilia nelle vesti di socio minoritario. Proprio per questa partecipazione, l’Irfis è sottoposto al controllo e alla vigilanza da parte dell’amministrazione guidata da Lombardo.

La pratica della first lady siciliana è stata varata in tempi record: presentata ad aprile del 2008, ha avuto l’ok in soli due mesi. Leggendo il documento si intuisce che i funzionari hanno subito il fascino sottile del potere, tanto che nel descrivere le attività della signora Grosso si sfiora il sublime: «Titolare dell’omonima aziendale agricola  che opera dal 1999 nell’ambito delle colture agrumicole, esercita, inoltre, attività consulenziali nell’ambito dell’intermediazione finanziaria. Essa è coniugata con l’onorevole Raffaele Lombardo, presidente della Regione Sicilia». Una proposta, dunque, che l’Irfis non poteva rifiutare.

Il programma di spesa prevede la realizzazione nella tenuta di Ramacca, in provincia di Catania, di un impianto integrato per la produzione di energia solare, per una potenza pari a 992 kwh, su una serra di 20 mila metri quadri. L’Irfis sarà la capofila di un pool di banche che copriranno con quasi 3 milioni, il 50 per cento del costo. Ma come farà la first lady a restituire il credito? Anche qui entrano in scena gli incentivi. Il piano economico lo spiega chiaramente. L’impianto – che sarà realizzato da Spes engineering, affiliata della rete franchising di Enel.si – verrà gestito da un “Spv”, società veicolo previste dalla legge sul “conto energia”. All’impresa agricola della Grosso toccheranno incentivi pari a 0,431 euro per ogni kwh prodotto. La stima è di oltre 1 milione e mezzo di kwh annui che faranno incassare alla Spv della famiglia Lombardo oltre 730 mila euro l’anno. Un bel business. Che l’Irfis ha condiviso con entusiasmo. Anche perché l’istituto è al centro di un delicata partita che vede il governo Lombardo contrapposto a Unicredit, nel controllo del pacchetto di maggioranza. Lo scenario vede la Sicilia pronta a cedere lo 0,5 per cento delle azioni detenute in Unicredit, in cambio del 76 per cento dell’Irfis, controllato da piazza Cordusio attraverso il Banco di Sicilia. Il sogno autonomista è utilizzare la licenza bancaria dell’Istituto per creare una banca siciliana.

L’Irfis è una preda ambita: anche la Popolare di Vicenza, presente in Sicilia con il marchio Bancanuova, ha tentato la scalata. Vista di buon occhio dal governo regionale, la proposta del gruppo bancario che fa riferimento a Zonin è stata stoppata dal no di Bankitalia. Tracce di Bancanuova si trovano anche nel progetto di finanziamento che la signora Grosso in Lombardo ha presentato all’Irfis. “Le attività consulenziali” citate nel documento si riferirebbero all’incarico di pr che la first lady sicula ha svolto per Bancanuova, generando un reddito imponibile di circa 200 mila euro l’anno. Secondo conflitto di interessi sfiorato: Bancanuova svolge il servizio di tesoreria per l’assemblea siciliana e gestisce alcuni fondi di rotazione dell’amministrazione regionale per oltre 50 milioni l’anno. A quanto risulta a “L’espresso”, però la signora Grosso ha di recente rinunciato a questo incarico. 

Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Un posto al sole per la first lady siciliana

  1. tasseranno le arance del 5%, i cannoli del 10. Porteranno il Catania in champions league e si intascheranno i diritti Tv.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...