Ghedini, la toga nera

Ghedini, dal neofascismo a Villa Certosa. Anticpazione dell’articolo di Gigi Riva che sarà pubblicato sull’Espresso di domani

nicolo-ghediniL’unica volta che Niccolò Ghedini si sedette dall’altra parte della barricata era un giovane avvocato di belle speranze chiamato a rispondere su certe sue pericolose frequentazioni di adolescente. Il processo era quello per la strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 (85 morti, oltre 200 feriti). Rimase per sei minuti sulla sedia del testimone davanti al presidente della Corte Mario Antonacci. Confermò quanto aveva dichiarato il 27 settembre 1980 quando fu interrogato in questura. Gli inquirenti si erano concentrati, nelle indagini, su un gruppo di neofascisti padovani, la sua città, che avevano come punto di riferimento il quartiere Arcella. Ghedini li conosceva per una sua precocissima attività politica nel Fronte della Gioventù (l’organizzazione giovanile del Msi). Tracciò il profilo di Roberto Rinani, detto “l’Ammiraglio”, imputato di concorso in strage, poi assolto: «Per la mia valutazione personale, mi dava l’idea che tra quei ragazzi, che conoscevo, fosse il personaggio di spicco». “Quei ragazzi” erano una ventina di persone che si scontravano con i “rossi”: «Si bastonavano per lo più». Si diceva, ma lui lo può affermare solo “de relato”, che facessero anche uso di armi mentre «non ho mai sentito parlare di esplosivi». Negò di aver conosciuto Massimiliano Fachini (altro imputato) e sì invece che conosceva Franco Giomo: «Siamo usciti assieme un paio di volte, poi ha avuto un incidente, si è messo a fare l’assicuratore e non l’ho più visto. L’ho anche cercato qualche volta. So che ha avuto problemi con la giustizia ed è stato condannato e poi assolto». Franco Giomo era un dirigente nazionale del Msi finito nei guai per i collegamenti con il nucleo Fioravanti-Mambro: i due che per la strage di Bologna ebbero l’ergastolo come autori materiali. Il futuro legale di Silvio Berlusconi nel 1988 aveva 29 anni e già una certa dimestichezza di aule di tribunale. Due anni prima era stato l’assistente di un principe del foro come Piero Longo, il suo maestro, nella difesa di Marco Furlan, il ragazzo della Verona bene che con Wolfgang Abel aveva dato vita alla banda Ludwig col proposito di liberare la società da drogati, nomadi, frequentatori di sale a luci rosse e preti: 15 persone uccise e 39 ferite. Durante le pause delle udienze Longo non mancava di presentare a tutti l’ancora acerbo collega con una frase rituale: «Tenete a mente il nome di questo ragazzo. Si chiama Niccolò Ghedini. Farà strada». Nemmeno lui immaginava quanta. Oggi lo stesso Niccolò Ghedini è, come il suo omonimo Machiavelli, il consigliere più ascoltato del Principe. È lui che scende nell’arena delle trasmissioni più agguerrite, come “AnnoZero” per lanciare il grido di battaglia “Mavalaaa”, diventato un marchio di fabbrica all’indirizzo degli avversari, ovviamente «comunisti» e «parrucconi». Lui che si offre alla stampa nei momenti delicati e al prezzo di straordinarie gaffes. Come quella proverbiale su Berlusconi che «anche fossero vere le ricostruzioni di questa ragazza (la D’Addario), e vere non sono, sarebbe al massimo l’utilizzatore finale e quindi mai penalmente punibile». O come quella sull’avvocato di Zappadu, il fotografo di villa Certosa, che «è difeso da un eurodeputato dell’Italia dei Valori. C’è una doppia veste, avvocato e parlamentare che non si dovrebbe confondere» (dal suo pulpito). O quando definisce le registrazioni della D’Addario inverosimili e frutto d’invenzione perché «non credo sia mai andata a casa di Berlusconi» quando proprio “L’espresso” le ha rese disponibili sul Web con la voce del premier chiaramente identificabile. E fossero solo le gaffes. Ghedini è l’architetto delle leggi ad personam che hanno salvato il presidente da molti processi, lo stoico resistente d’aula che opponendo impedimenti, codicilli, astuzie procedurali, è riuscito a rinviarne altri fino al lodo Alfano che li ha sospesi e sulla legittimità del quale la Consulta si pronuncerà il prossimo 6 ottobre. Salvo avere l’impudenza di affermare che non è affatto contento che non si arrivi mai a sentenze perché sarebbero «senza dubbio favorevoli». È anche l’uomo che sveglia il presidente del Consiglio per rendergli noto che Veronica, la moglie, ha scritto lettere contro di lui ai giornali o ha chiesto il divorzio, che vuole una legge per rendere impossibile la pubblicazione delle intercettazioni. Ora allarga la sua sfera d’azione, il ruolo “tecnico” non gli basta più. Media col Fini furibondo per la querela al “Giornale” di Feltri, attacca la Lega che vorrebbe la presidenza del Veneto e la accusa di fare una battaglia medievale di chiusura «per la polenta e contro l’ananas». Un lavoro indefesso, matto e disperatissimo, per alzare una corazza e far scudo all’uomo che gli ha cambiato l’esistenza. Nega se lo si definisce il ministro ombra della Giustizia. E in realtà anche quella carica occulta gli starebbe stretta. Senza avere un ruolo istituzionale preciso, se non quello di semplice deputato, ha sbaragliato, nel cuore di Silvio, tutti i possibili rivali. Fossero essi colombe o falchi. Si è fatto molti nemici, ma tira dritto per la sua strada e del resto sa di essere «una carogna» (autodefinizione). Dal nuovo ruolo di presidente della Consulta giustizia del Popolo delle libertà controlla le terminazioni nervose del sistema più sensibile del berlusconismo. E pensare che fino a un certo punto della sua vita non aveva pensato né alla politica né alla carriera legale: voleva fare l’agricoltore, gli interessava la terra. E questa è la sua storia. Quando nasce, il 22 dicembre 1959, Niccolò ha tre sorelle. Nicoletta, 17 anni, Francesca, 15, e Ippolita, detta Ippi, 9, il cui nome è un omaggio esplicito alla mitologica regina delle Amazzoni. Il padre Giuseppe, ex ufficiale di cavalleria, ha una passione per l’equitazione almeno pari a quella per il diritto: dna perfetto per il futuro assistente del Cavaliere. È un famoso penalista, schieratissimo a destra, originale e passionale. Non di rado nello studio volano i posacenere. L’arcigna madre Renata tiene le redini di un’educazione rigida e consona al rango di una famiglia dell’alta borghesia con una venatura di nobiltà se si fa fede al Niccolò che dichiarerà: «Nel 1600 i miei antenati furono insigniti del blasone patrizio per particolari meriti resi alla Serenissima Repubblica di Venezia». Lo stemma è un orso feroce con la spada sguainata: quasi una rappresentazione dell’immagine che vorrà dare di sé. Le ragazze hanno il percorso canonico delle bennate di Padova. Le scuole al Sacro cuore, il classico al Tito Livio. L’ultimogenito è il cocco di casa. Molto sport: nuoto, sci, cavallo con qualche gara vinta. Poco studio: «Ero un asino». Racconterà di essere caduto da un’impalcatura, in prima media, mentre cercava di sputare in testa agli orchestrali di passaggio nella strada. Lo mandano al collegio Barbarigo dove fatica, ogni anno, ad arrivare alla sufficienza, «ma non sono stato mai bocciato». A 13 anni, la svolta dolorosa. Muore il padre. Nicoletta e Ippolita sono costrette a occuparsi dello studio perché ne hanno seguito le orme. Francesca ha il pallino dell’archeologia. E Niccolò è già in politica. Un nero deciso, negli anni in cui, come altrove, non esistevano le mezze misure e a Padova restava viva una tradizione neofascista nata con Franco Freda e con la cellula di Ordine Nuovo impegnata nella strage di Piazza Fontana. Occupa il tempo che gli rimane nelle due aziende agricole di famiglia che producono vino e olio e coltiva il sogno di iscriversi ad agraria. Conosce, quindicenne, la donna della sua vita, Monica Merotto, figlia del titolare di un’oreficeria, che si laurerà a Cà Foscari con una tesi su “Federico II ed Ezzelino II da Romano nel territorio padovano” e gli darà, molto tempo dopo, un figlio chiamato Giuseppe, come il nonno, oggi dodicenne. Le scelte irrevocabili dell’adolescenza, si sa, possono cambiare rapidamente. Non è ancora maggiorenne, Niccolò, quando abbandona l’estremismo per le acque più placide del Partito liberale in cui si distingue un leader che ha per nome Giancarlo Galan, attuale governatore del Veneto. E anche la terra può attendere se tutto il mondo che ti circonda lascia intendere che un Ghedini non può non essere un avvocato. Padova è facoltà di tradizione, troppo difficile. Per “l’asino” Niccolò molto meglio ripiegare su Ferrara, dove si laurea. Quando finalmente può mettere piede nello studio di via Altinate 86, davanti al tribunale, trova un signore che sarà parte importante del suo destino. È successo che le sorelle, civiliste, hanno rafforzato la squadra con un penalista. E non uno qualsiasi, ma col professor Piero Longo, nato ad Alano di Piave nel 1944, figlio del direttore delle Poste di Venezia, uno che non si preoccupa di manifestare la sua aperta simpatia per l’estrema destra. Lo ricordano allievo del Marco Polo, mentre brucia in piazza San Marco le bandiere cubane al tempo della crisi dei missili. Intelligenza fine, anche spregiudicata. Come quando cercò di iscriversi in un movimento di sinistra coerente con la strategia dell’“entrismo” professata da certa destra rivoluzionaria. Brillante studente a Padova e poi subito assistente con un rapporto al minimo rude con quelli di sinistra se, quando non lo salutavano in biblioteca, li apostrofava più o meno così: «Fate i furbi con me ma io vi faccio un mazzo (eufemismo) così». Tra l’accademia e la professione privilegia la seconda e non si dimentica dei vecchi camerati e li difende nello storico processo per la ricostituzione del partito fascista (1975). La sua perizia però non evita la condanna per tutti. Si dice di Longo perché, almeno a Padova, lui è considerato la mente e Ghedini sarebbe un testardo, diligente, pignolo, allievo. Che cerca, anche in un certo lessico aulico, di imitare colui che tutto gli ha insegnato. Proverbiali alcune frasi pronunciate con la voce cantilenante che abbiamo imparato a conoscere: «Ella, signor giudice…». Sta di fatto che, per quelle circostanze fortunate che capitano agli umani, Niccolò finisce, e siamo alla metà degli anni Novanta, a fare il segretario delle Camere penali quando Gaetano Pecorella ne è presidente. È Pecorella che lo introduce alla corte di Arcore. Prima un processo, poi un secondo, poi si prende tutto. Difende il premier “gratis” nelle cause personali mentre si fa pagare per quelle che interessano Mediaset o le altre società del Sultano. Niccolò Ghedini è diventato più ricco di quanto già non fosse. Dichiara di guadagnare un milione e 300 mila euro ed è tra i Paperoni della Camera. Possiede 44 tra case e terreni tra cui una tenuta a Montalcino e la storica dimora di famiglia a Santa Maria di Sala (Venezia) dove si è fatto costruire una piscina, una cappella privata e dove ospita i vertici del Pdl veneto quando non lo stesso Berlusconi. In garage tiene una collezione impressionante di auto d’epoca. Quanto alle sorella, Francesca, direttore del dipartimento di Archeologia a Padova, bellissimi occhi chiari, l’unica rimasta nubile, è stata nominata da Sandro Bondi nel Consiglio superiore del Beni Culturali. Nicoletta, la primogenita, rimasta vedova di Paolo Favini delle omonime cartiere di Rosà, e Ippolita, moglie del procuratore di Trieste Michele Dalla Costa, sono diventate le avvocate civiliste di Berlusconi nel divorzio con Veronica Lario. Non è la sola loro causa importante. Difendono anche Luciano Cadore, un maggiordomo che ha ereditato dall’imprenditore delle pellicce Mario Conte, dove era a servizio, un patrimonio stimato dagli inquirenti in 70 milioni di euro. Cadore è indagato con l’accusa di aver falsificato il testamento e ha devoluto un milione di euro alla Libera fondazione di Giustina Destro, ex sindaco di Padova e attuale parlamentare Pdl. Nessuno dei Ghedini ama farsi vedere in pubblico. Di Niccolò si segnala la presenza a Padova solo quando la scorta lo accompagna sotto l’ufficio con qualche disappunto dei residenti per gli intralci al traffico. Le sorelle stanno appartate. E vivono nel culto di quello che considerano il loro Grande Fratello. Lo stesso ruolo che in fondo gli ha affidato Silvio Berlusconi, concedendogli il compito di stare alla sua destra. Almeno fino a quando reggerà lo scudo del Lodo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Ghedini, la toga nera

  1. Giovanna Suares ha detto:

    quello che ho letto mi indigna e mi allontana sempre di più dalla politica.Ha ragione Grillo:bisogna fare pulizia.Tutti sanno e nessuno agisce,sono tutti complici.

  2. Pingback: Chi difende il cavaliere | Informare per Resistere

  3. Pingback: Chi difende il cavaliere | Blog di Giuseppe Casarrubea

  4. gianfranco portopino ha detto:

    e allucinante,quello che si scrive per quest’uomo,ho avuto l’onore di conoscere la famiglia Ghedini-Merotto,signori con la ESSE maiuscola colti e intelligenti onesti e altruisti grazie famiglia Ghedini-Merotto la Sardegna vi attende benvenuti

  5. rino-no ha detto:

    qualcuno può spiegare a chi ha letto l’articolo sulla vita della famiglia ghedini,cosa c’è da moderare in un innoquo commento?

  6. mandarino-no ha detto:

    pensa che 3000 anni fa la cina era tenuta da un regime equivalente a questo che stiamo subendo oggi.forse la “culla della civiltà”,ha influenzato tanto i nostri riposi,da tenerci costantemente supini.

  7. Danx ha detto:

    Che dispiacere per il padre!

  8. Gabry ha detto:

    Di fronte a un tale curriculum … NON sarebbe adeguato .. neppure il linguaggio un bel po’ colorito dei “camalli” di GE !!

    PS) … chi sono i “camalli” ?? …
    i lavoratori del porto che , nel ’60, hanno impedito … con le “bbbbbuone” maniere, lo svoglimento del congresso dell’allora M.S.I. a GE, città medaglia d’oro della Resistenza !!

  9. Stefano ha detto:

    Sempre bello scoprire che la gente che già non stimi dovresti stimarla ancora meno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...