Il casting per le elezioni

Ronzulli, Matera, Comi. Prima tra escort e ballerine, poi elette al Parlamento europeo. Ecco come si sceglie la nuova classe politica. Anticipazione dell’Espresso domani in edicola.  

licia ronzulliTutte sono passate per villa Certosa e palazzo Grazioli. Sia le bad girls, Patrizia D’Addario e Barbara Montereale, che le angeliche Licia Ronzulli, Barbara Matera e Lara Comi. Tutte hanno partecipato alle feste leggendarie del Cavaliere ma solo poche fortunate (Ronzulli, Matera e Comi) sono arrivate all’Europarlamento. Per cinque anni avranno uno stipendio garantito di 20 mila euro con assistenti e benefit a disposizione. Mentre le due protagoniste del sexgate barese, Patrizia D’Addario e Barbara Montereale, si sono dovute accontentare di un posticino in una lista

apparentata al Pdl che correva per le comunali di Bari. Dopo aver fallito l’elezione hanno deciso di raccontare tutto a stampa e magistratura. A unire mondi così diversi in uno scenario unico però non sono stati i pm e i giornalisti ma Berlusconi in persona. È stato lui a ospitare contemporaneamente volontarie in partenza per il Bangladesh e ragazze di ritorno da una trasferta a Dubai con lo sceicco. Nemmeno il più fervido sceneggiatore della commedia italiana avrebbe potuto immaginare a villa Certosa una comitiva che include la direttrice sanitaria destinata all’Europarlamento, Licia Ronzulli, e la mangiatrice di fuoco Siria De Fazio, più nota come la “lesbica del Grande fratello”. Senza controllo e senza filtro, tutte hanno avuto il privilegio di entrare nelle dimore del sultano. Le bocconiane, come Lara Comi, ma anche le escort da duemila euro a notte come Patrizia D’Addario. Persone e storie totalmente diverse che dovevano restare distinte e che invece sono state mescolate nel gran frullatore impazzito delle candidature 2009. A imbastire questa matassa che lega insieme manager, letteronze, annunciatrici, dirigenti e stelline dei reality ha contribuito l’incapacità del premier di distinguere pubblico da privato, dovere da piacere, festa e politica. Le protagoniste delle riunioni e delle cene, con le loro bugie e i loro silenzi, hanno fatto il resto.

Paradossalmente a parlare sono le escort. Mentre le ragazze “serie” restano silenziose. E se parlano dicono bugie. La migliore allieva del Cavaliere da questo punto di vista è certamente Licia Ronzulli. Questa infermiera 34enne ha raccolto oltre 40 mila preferenze nel nord-ovest grazie anche alle indicazioni che provenivano da Roma. I coordinatori locali dicevano che se non fosse stata eletta, avrebbero perso il posto. Quando “L’espresso”, la settimana scorsa, le ha chiesto cosa facesse sulla barca di Berlusconi il 14 agosto 2008 con altre sei giovani che non hanno nulla a che fare con la politica, lei ha risposto: «Sbaglia, non ci sono io. Ci sono tante ragazze more. Mai stata a Villa Certosa. Cado dalle nuvole».

Finché un’altra amica e ospite del Cavaliere, Barbara Montereale, l’ha smentita su “Repubblica”: «A metà gennaio 2009 sono stata accolta a villa Certosa da Licia Ronzulli. È lei che organizza la logistica dei viaggi delle ragazze. Che decide chi arriva e chi parte e smista nelle varie stanze». Invece di dimettersi all’istante l’europarlamentare-receptionist ha vergato un comunicato per annunciare querela confermando en passant che la sua parola non vale nulla: «Più di una volta, in occasione di vacanze, sono stata ospite a villa Certosa con mio marito». Del quale nelle foto non c’è traccia.

Prodiga di particolari sulle sue umili origini nel quartiere Baggio di Milano, sulla passione per il Milan, sul papà maresciallo dei carabinieri e sulle sue attività di volontariato, Ronzulli non ha mai spiegato perché sia stata incaricata dal premier di ricevere un tipino come Barbara Montereale, una ragazza madre di 23 anni pagata per mostrarsi carina con gli ospiti del Billionaire che non si tira indietro se c’è da accompagnare l’amica escort in trasferta sul panfilo dello sceicco. Spedita in villa dall’imprenditore barese Giampaolo Tarantini, indagato per induzione alla prostituzione, è prima apprezzata da Emilio Fede, poi sistemata da Licia Ronzulli e infine gratificata dal Cavaliere con una busta con dentro diecimila euro. Montereale, che dice di non avere avuto rapporti sessuali con il Cavaliere, riconosce tra le ospiti del premier anche Carolina Marconi, reduce del Grande fratello, e Susanna Petrone, conduttrice del calcio su Mediaset. Ed è un’altra strana coincidenza. Pochi mesi prima, il 14 agosto sulla barca del premier ritroviamo la Petrone accanto alla solita Ronzulli e alla futura protagonista del reality Mediaset: Siria. Tutte e tre all’epoca non erano note al grande pubblico. Pochi mesi dopo quella gita diverranno tutte famose ciascuna nel proprio settore.

Se si può sorvolare sui criteri di selezione delle reti televisive berlusconiane (Siria è stata segnalata agli autori del Gf dalla segreteria del premier) non si può fare lo stesso con le elezioni. Le candidature non sono casting e l’Europarlamento non un reality né tanto meno un luogo da escort, come farebbe pensare la storia raccontata da Patrizia D’Addario. La donna che ha passato la notte del 4 novembre 2008 sul lettone donato da Putin a Silvio Berlusconi, ha raccontato che pochi mesi dopo le sarebbe stata ventilata dal solito Tarantini una candidatura alle europee. Nonostante non avesse mai nascosto di avere registrato le sue trasferte romane e nonostante tutti sapessero quale fosse il suo mestiere. Patrizia, dopo l’intervento di Veronica Lario, non è poi stata candidata per Bruxelles ma solo per le comunali con la lista “Puglia prima di tutto”, ora confluita nel Pdl.

Scelte come queste gettano un’ombra anche su candidature limpide come quella di Lara Comi. Anche lei ha avuto l’onore di essere trasportata sull’aereo Fininvest in Sardegna? “L’espresso” pubblica una serie di foto scattate il 14 ottobre 2006 all’aeroporto di Olbia nelle quali appare una donna mentre scende dal jet di Berlusconi a lei molto somigliante. Il contesto però è ben diverso dalle foto in barca. La ragazza è in compagnia di altre giovani azzurre e sembra diretta a una riunione politica non a una convention di veline. Lara Comi, a 26 anni può vantare una laurea in Bocconi con il massimo dei voti e un impiego da manager alla Giochi preziosi, nessuno può accomunarla a una velina o a un’esperta di “logistica”. Probabilmente il presidente l’ha aiutata a raggranellare 63 mila voti perché stima questa milanista temeraria che gli si è presentata durante una partita di calcio nel giugno del 2004.

Più oscura l’origine della scintilla scoccata tra Berlusconi e Barbara Matera. L’ex annunciatrice Rai in anni non troppo lontani non stravedeva per il suo attuale mentore. Alla fine del 2003 la letteronza della Gialappa’s era diventata una delle annunciatrici di RaiUno insieme a Virginia Santjust di Teulada. In quel periodo la sua collega era legata da una relazione sentimentale (“platonica”, dice lei) a Silvio Berlusconi e volava spesso a villa Certosa. Nella foto pubblicata da “L’espresso” a pagina 43, scattata nel settembre del 2006, si vede una ragazza in bianco che somiglia molto a Virginia scendere dall’aereo con il deputato-segretario di Berlusconi Valentino Valentini. Una scena consueta in quel periodo. Quando Virginia raggiungeva Silvio a Olbia, Barbara era costretta a coprire gli annunci del week-end su RaiUno e non poteva far visita ai genitori a Lucera, in provincia di Foggia. In quei week end solitari si racconta anche di una breve storia sentimentale con il marito separato di Virginia, l’agente segreto Federico Armati. Da allora sono cambiate molte cose. Virginia Sanjust non è più nelle grazie del Cavaliere e non se la passa bene. Barbara Matera è fidanzata con un altro agente segreto ed è diventata la giovane promessa del Pdl. Chissà se l’europarlamentare ricorda quei giorni lontani nei quali non lesinava critiche al Cavaliere, a Virginia e alla Rai che la trattavano da brutto anatroccolo rispetto all’amica del premier. Acqua passata. Oggi Berlusconi è dalla sua parte. Nella vita, basta sapere aspettare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stanca e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il casting per le elezioni

  1. peppe2 ha detto:

    Si ma se le pago io allora me le voglio trombare anch’io, anzi se le dovrebbero trombare tutti gli italiani in quanto i soldi sono della collettivita’….

  2. Pia Covre ha detto:

    Chi ha il coraggio di fare la escort o comunque di vivere con il lavoro sessuale non è così ipocrita da dover raccontare bugie.
    Chi ha usato la propria avvenenza fisica e la seduzione sessuale per raggiungere una posizione sociale di tutto rispetto probabilmente vive in uno stato di frustrazione per non esserci riuscita grazie alla propria capacità e intelligenza, quindi deve nasconderselo anche a se stessa…
    Non è un caso che raggiunta la posizione di “potere” immediatamente diventino moraliste e bachettone. Come dice una ormai nota e altoseduta: credere nei valori di dio, patria e familia… devono per forza prendere le distanze dalla propria condizione di origine.
    Mi piace credere che le escort stiano deliberatamente parlando anche per vendicarsi dei sopprusi che i nani e le ballerine stanno facendo sulle prostitute e i loro clienti in questi mesi.

  3. peppe ha detto:

    praticamente le paghiamo noi, cosi’ lui non le deve piu’ pagare. questo e’ l’argomento vincente contro quelli che dicono che le faccende del premier sono solo gossip, vita privata ed a noi non dovrebbero interessare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...